About Newsletter

This author has not yet filled in any details.
So far Newsletter has created 277 blog entries.

L’elettroencefalogramma quantitativo per l’individuazione di marker precoci

A cura di Martina Montalti EEG Theta Power Is an Early Marker of Cognitive Decline in Dementia due to Alzheimer’s Disease. Musaeus CS, Engedal K, Hgh P, Jelic V, Mrup M, Naik M, Oeksengaard AR, Snaedal J, Wahlund LO, Waldemar G, Bo Andersen B. J Alzheimers Dis. 2018 Jul 6. doi: 10.3233/JAD-180300. L’elettroencefalografia (EEG) è una tecnica non invasiva per la misurazione del segnale elettrico cerebrale, che viene successivamente rappresentato graficamente su uno schermo sotto forma di onde: l’encefalogramma. Tali onde cerebrali possono essere distinte sulla base della loro frequenza in onde alpha, beta, theta e delta. L’elettroencefalogramma quantitativo (qEEG) permette di identificare le aree cerebrali ipo- o iper-attivate. […]

26 luglio 2018|News Medici|0 Comments

Tempo di vacanze per la nostra Newsletter

A cura di Valentina Nicolosi Cari lettori, con l’arrivo di Agosto la Newsletter di Centro Alzheimer andrà in vacanza. Torneremo con nuove notizie ed aggiornamenti a partire da giovedì 6 Settembre. […]

26 luglio 2018|ULTIM'ORA|0 Comments

Sintomi comportamentali associati a demenza: lo studio HARMONY

A cura di Sara Gipponi Nelle scorse settimane è partita presso la nostra unità una nuova sperimentazione farmacologica rivolta a persone con allucinazioni e/o deliri dovuti a demenza. La demenza è una sindrome caratterizzata principalmente dal declino delle funzioni cognitive ma può presentare una varietà di altre manifestazioni di tipo psicotico come allucinazioni (vedere o sentire delle cose che non esistono) o deliri (credere a cose che non sono reali) che comportano una difficoltà maggiore di gestione del malato da parte di chi se ne prende cura. […]

26 luglio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Diversi pattern di atrofia ippocampale nella malattia di Alzheimer e nella demenza frontotemporale

A cura di Giulia Quattrini The hippocampal longitudinal axis-relevance for underlying tau and TDP-43 pathology. Lladó A, Tort-Merino A, Sánchez-Valle R, Falgàs N, Balasa M, Bosch B, Castellví M, Olives J, Antonell A, Hornberger M. Neurobiol Aging. 2018 Jun 1;70:1-9. L’atrofia ippocampale è uno dei principali biomarcatori della Malattia di Alzheimer (AD). Le proiezioni corticali lungo l’asse longitudinale presentano un elevato grado di specializzazione strutturale e funzionale, che potrebbero avere un ruolo nello sviluppo della demenza. […]

19 luglio 2018|News Medici|0 Comments

Creatività e riserva cognitiva

A cura di Michela Rampini The Relationship Between Cognitive Reserve and Creativity. A study on American Aging Population Colombo B, Antonietti A, Daneau B. Frontiers in Psychology. 2018 May 9:764. L’ipotesi della riserva cognitiva sostiene che il cervello cerca attivamente di far fronte ai danni neuronali usando reti alternative di processamento dell’informazione pre-esistenti o adottando approcci compensatori. Questo processo è rilevante non solo quando esordiscono i primi sintomi di demenza o di altre malattie neurologiche legate all’invecchiamento, ma anche nel normale processo di invecchiamento cerebrale. […]

19 luglio 2018|News Familiari|0 Comments

Cambiamenti nella pressione sanguigna in tarda età e malattia d’Alzheimer. Esiste un’associazione?

A cura di Roberta Baruzzi Esiste un’associazione tra cambiamenti nella pressione sanguigna in tarda età, disturbi cerebrovascolari e malattia di Alzheimer (AD)? Questo è quanto hanno voluto indagare i ricercatori di un recente articolo pubblicato su Neurology in uno studio di coorte su un gruppo di 1288 anziani sani. […]

19 luglio 2018|ULTIM'ORA|0 Comments

EPAD: uno studio europeo di prevenzione della malattia di Alzheimer

A cura di Anna Mega È attualmente attivo presso il nostro Centro lo studio EPAD (“European Prevention Alzheimer’s disease”), una importante iniziativa europea il cui fine è quello di comprendere meglio le fasi di sviluppo della malattia di Alzheimer e creare una coorte di persone disponibili a partecipare a studi sperimentali mirati alla sua prevenzione. […]

19 luglio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

L’ARTE di convivere con la Demenza

A cura di Ilaria Passeggia Entangled in uncertainty: The experience of living with dementia from the perspective of family caregivers. Wijngaarden E, van der Wedden H, Henning Z, Komen R, The AM. PLoS One. 2018 Jun 13; 13(6):e0198034. doi: 10.1371/journal.pone.0198034. Generalmente, coloro che si prendono cura dei propri familiari con demenza (caregiver) hanno la sensazione di sentirsi impigliati nell’incertezza e nell’isolamento. Si percepiscono intrappolati in un futuro senza speranze e nella graduale perdita di reciprocità con il proprio caro. Tutto ciò è emerso anche da un recente studio olandese che ha analizzato 47 interviste di caregiver di persone con demenza. […]

12 luglio 2018|News Familiari|0 Comments

Co-occorrenza di proteinopatie nelle malattie neurodegenerative

A cura di Elena Rolandi Neurodegenerative disease concomitant proteinopathies are prevalent, age-related and APOE4-associated. Robinson JL, Lee EB, Xie SX, Rennert L, Suh E, Bredenberg C, Caswell C, Van Deerlin VM, Yan N, Yousef A, Hurtig HI, Siderowf A, Grossman M1, McMillan CT, Miller B, Duda JE, Irwin DJ, Wolk D, Elman L, McCluskey L, Chen-Plotkin A, Weintraub D, Arnold SE, Brettschneider J, Lee VM, Trojanowski JQ Brain. 2018 Jul 1;141(7):2181-2193. doi: 10.1093/brain/awy146. Le principali malattie neurodegenerative sono determinate dalla presenza e localizzazione di specifiche proteinopatie: (i) placche di β-amiloide e grovigli neurofibrillari di tau in malattia di Alzheimer (AD); (ii) tau neuronale e gliale in malattia di Pick (PiD), paralisi supranucleare progressiva (PSP) e degenerazione corticobasale (CBD); (iii) aggregati di α-sinucleina in atrofia multisistemica (MSA) e in malattia da corpi di Lewy (LBD); (iv) TDP-43 in degenerazione frontotemporale lobare (FTLD-TDP) e in sclerosi laterale amiotrofica (ALS). Scopo del presente studio è stato quello di caratterizzare la co-occorrenza delle 4 principali proteinopatie all’interno di un’ampia gamma di malattie neurodegenerative. […]

12 luglio 2018|News Medici|0 Comments

Intestino e Alzheimer: prevenire è meglio che curare!

A cura di Valentina Saletti Un recente articolo pubblicato su Brain, Behavior and Immunity descrive un’interessante ricerca che ha testato su un campione di topi una sorta di “vaccino” contro lo stress. Si è visto che i topi a cui veniva iniettata una combinazione di batteri (Mycobacterium vaccae) una volta alla settimana per tre volte, erano in grado di resistere più facilmente a condizioni di stress. […]

12 luglio 2018|ULTIM'ORA|0 Comments