About Newsletter

This author has not yet filled in any details.
So far Newsletter has created 330 blog entries.

Dieta e decadimento cognitivo: che ruolo svolge il consumo di funghi?

A cura di Ilaria Passeggia The Association between Mushroom Consumption and Mild Cognitive Impairment: A Community-Based Cross-Sectional Study in Singapore. Feng L., Cheah I.K., Xi Ng M.M, Li J., Chan S.M., Lim S.L., Mahendran R., Kua E.H., Halliwell B. Journal of Alzheimer’s Disease. 2019;68(1):197-203. doi: 10.3233/JAD-180959. Il consumo regolare di funghi può rappresentare un fattore di protezione a livello cognitivo? Per rispondere a questa domanda, alcuni ricercatori dell’università di Singapore hanno analizzato i dati raccolti in uno studio della durata di 6 anni su 663 partecipanti ultra-sessantenni senza deficit cognitivi o con deterioramento cognitivo lieve (Mild Cognitive Impairment, MCI), condizione connessa alle prime avvisaglie di demenza. I risultati hanno permesso di rilevare un’associazione significativa tra il consumo di alcune tipologie di funghi e il benessere cognitivo nella popolazione anziana, legame che sembrerebbe essere indipendente da altre variabili quali età, genere, storia medica, fumo, alcool, attività fisica e sociale. […]

18 Aprile 2019|News Familiari|0 Comments

PET per l’amiloide: tra utilità clinica e rimborsabilità

A cura di Cristina Festari Nelle scorse settimane la prestigiosa rivista JAMA ha reso pubblici i dati preliminari di un vasto studio, Imaging Dementia—Evidence for Amyloid Scanning (meglio conosciuto come IDEAS), volto a valutare l’associazione tra l’esecuzione di una PET per amiloide e i successivi cambiamenti nella gestione clinica di pazienti affetti da disturbi cognitivi lievi o demenza ad eziologia incerta. […]

18 Aprile 2019|News Medici|0 Comments

Consapevolezza di malattia nella demenza ad insorgenza precoce e tardiva

A cura di Anna Mega Uno studio pubblicato su Alzheimer disease and associated disorders ha indagato la differenza nel livello di consapevolezza di malattia in persone affette da malattia di Alzheimer e demenza vascolare ad esordio precoce (YOD<65 anni) e tardivo (LOD≥65 anni). A tal fine sono stati esaminati – in 49 YOD e 83 LOD in fase lieve e moderata di malattia – il grado di consapevolezza di malattia, la funzionalità cognitiva e generale, l’umore, i sintomi neuropsichiatrici e la qualità di vita. […]

18 Aprile 2019|ULTIM'ORA|0 Comments

Studio multi-centrico Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.)

A cura di Valentina Nicolosi Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.) è uno studio multi-centrico, coordinato dal nostro laboratorio e finalizzato ad esplorare il collegamento tra malattia di Alzheimer e flora batterica (microbiota) intestinale ed orale. Recenti scoperte mostrano che l’abbondanza di particolari batteri nell’intestino è associata al deposito cerebrale di beta-amiloide, una proteina tossica per il nostro cervello legata allo sviluppo della malattia di Alzheimer. […]

18 Aprile 2019|IN EVIDENZA|0 Comments

La salute del cervello inizia dalla bocca!

A cura di Michela Rampini Association of Chronic Periodontitis on Alzheimer’s Disease or Vascular Dementia. Choi S, Kyuwoong K, Chang J, Min Kim S, Jip Kim S, Cho H.J, Min Park S. Journal of American Geriatric Society, 00:1-6, 2019. DOI:10.1111/jgs.15828 La gengivite che non viene curata può diventare parodontite (o piorrea). La parodontite è una patologia piuttosto subdola che, se non curata, porta alla ditstruzione dei tessuti che assicurano sostegno e stabilità ai denti. La parodontite è la principale causa di perdita dei denti negli adulti e solo negli ultimi anni si è indagato il suo ruolo come  fattore di rischio per lo sviluppo di demenza. […]

5 Aprile 2019|News Familiari|0 Comments

Profili di Amiloide/Tau/Neurodegenerazione (ATN) e traiettorie cognitive in soggetti sani

A cura di Giulia Quattrini Soldan A, Pettigrew C, Fagan AM, Schindler SE, Moghekar A, Fowler C, et al. ATN profiles among cognitively normal individuals and longitudinal cognitive outcomes. Neurology. 2019 Mar 6. pii: 10.1212/WNL.0000000000007248 [Epub ahead of print] Come ormai confermato da numerose evidenze scientifiche, la neuropatologia associata alla malattia di Alzheimer (AD) è già rintracciabile molti anni prima dell’esordio clinico. Per tale motivo, risulta di particolare rilevanza lo studio delle fasi precliniche, cioè di soggetti cognitivamente sani ma a rischio di sviluppare demenza a causa della presenza dei segni neuropatologici di AD. […]

5 Aprile 2019|News Medici|0 Comments

Malattia di Alzheimer e fattori di rischio genetici

A cura di Valentina Saletti Una recente meta-analisi pubblicata su Nature Genetics ha studiato i fattori di rischio genetici implicati nella predisposizione a sviluppare la malattia di Alzheimer ad esordio tardivo. Comprendere chi sarà più predisposto ad ammalarsi e come utilizzare questa informazione sono i punti chiave per agire sulla prevenzione. […]

5 Aprile 2019|ULTIM'ORA|0 Comments

Studio multi-centrico Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.)

A cura di Federica Ribaldi e Valentina Nicolosi Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.) è uno studio multi-centrico, coordinato dal nostro laboratorio e finalizzato ad esplorare il collegamento tra malattia di Alzheimer e flora batterica (microbiota) intestinale ed orale. Recenti scoperte mostrano che l’abbondanza di particolari batteri nell’intestino è associata al deposito cerebrale di beta-amiloide, una proteina tossica per il nostro cervello legata allo sviluppo della malattia di Alzheimer. […]

5 Aprile 2019|IN EVIDENZA|0 Comments

Profili di Amiloide/Tau/Neurodegenerazione (ATN) e traiettorie cognitive in soggetti sani

A cura di Giulia Quattrini   Soldan A, Pettigrew C, Fagan AM, Schindler SE, Moghekar A, Fowler C, et al. ATN profiles among cognitively normal individuals and longitudinal cognitive outcomes. Neurology. 2019 Mar 6. pii: 10.1212/WNL.0000000000007248 [Epub ahead of print]   Come ormai confermato da [...]

21 Marzo 2019|News Medici|0 Comments

Il valore predittivo delle crisi epilettiche nelle forme autosomiche dominanti di malattia di Alzheimer

A cura di Anna Mega Nella maggioranza dei casi la malattia di Alzheimer (AD) si presenta come caso singolo all’interno di una famiglia, non è ereditaria e i sintomi esordiscono dopo i 65 anni. Esistono tuttavia dei rari casi familiari in cui la malattia insorge [...]

21 Marzo 2019|ULTIM'ORA|0 Comments