Sintomi comportamentali associati a demenza: lo studio HARMONY

A cura di Sara Gipponi Nelle scorse settimane è partita presso la nostra unità una nuova sperimentazione farmacologica rivolta a persone con allucinazioni e/o deliri dovuti a demenza. La demenza è una sindrome caratterizzata principalmente dal declino delle funzioni cognitive ma può presentare una varietà di altre manifestazioni di tipo psicotico come allucinazioni (vedere o sentire delle cose che non esistono) o deliri (credere a cose che non sono reali) che comportano una difficoltà maggiore di gestione del malato da parte di chi se ne prende cura. […]

26 luglio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

EPAD: uno studio europeo di prevenzione della malattia di Alzheimer

A cura di Anna Mega È attualmente attivo presso il nostro Centro lo studio EPAD (“European Prevention Alzheimer’s disease”), una importante iniziativa europea il cui fine è quello di comprendere meglio le fasi di sviluppo della malattia di Alzheimer e creare una coorte di persone disponibili a partecipare a studi sperimentali mirati alla sua prevenzione. […]

19 luglio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Studio multi-centrico Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.)

A cura di Federica Ribaldi e Valentina Nicolosi Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.) è uno studio multi-centrico, coordinato dal nostro laboratorio e finalizzato ad esplorare il collegamento tra malattia di Alzheimer e flora batterica (microbiota) intestinale ed orale. Recenti scoperte mostrano che l’abbondanza di particolari batteri nell’intestino è associata al deposito cerebrale di beta-amiloide, una proteina tossica per il nostro cervello legata allo sviluppo della malattia di Alzheimer. […]

12 luglio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Malattia di Alzheimer di fase lieve: lo studio AB1601

A cura di Ilaria Passeggia Nelle scorse settimane è partita presso la nostra unità una nuova sperimentazione farmacologica rivolta a persone con diagnosi di lieve decadimento cognitivo di tipo amnesico (aMCI) o di Malattia di Alzheimer in fase molto lieve. L’obiettivo di questo studio è quello di verificare la sicurezza, la tollerabilità e l’effetto del vaccino ABvac40, la cui somministrazione ripetuta potrebbe elicitare una risposta immunitaria verso la proteina beta amiloide (in particolare il tipo Aβ40) potenzialmente in grado di modificare il decorso della malattia. […]

5 luglio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Malattia di alzheimer in fase lieve: lo studio Abbvie

A cura di Evita Tomasoni Negli scorsi mesi è stata avviata presso il nostro laboratorio una sperimentazione farmacologica rivolta a persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale. L’obiettivo di questo studio è verificare l’efficacia e la sicurezza di ABBV-8E12, un farmaco in grado di inibire l’aggregazione della proteina tau contrastando la neurodegenerazione e la progressione della malattia. […]

28 giugno 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Sintomi comportamentali associati a demenza: lo studio HARMONY

A cura di Sara Gipponi Nelle scorse settimane è partita presso la nostra unità una nuova sperimentazione farmacologica rivolta a persone con allucinazioni e/o deliri dovuti a demenza. La demenza è una sindrome caratterizzata principalmente dal declino delle funzioni cognitive ma può presentare una varietà di altre manifestazioni di tipo psicotico come allucinazioni (vedere o sentire delle cose che non esistono) o deliri (credere a cose che non sono reali) che comportano una difficoltà maggiore di gestione del malato da parte di chi se ne prende cura. Attualmente, non sono disponibili farmaci approvati per il trattamento della psicosi correlata a demenza. […]

21 giugno 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Sintomi comportamentali associati a demenza: lo studio HARMONY

Nelle scorse settimane è partita presso la nostra unità una nuova sperimentazione farmacologica rivolta a persone con allucinazioni e/o deliri dovuti a demenza. La demenza è una sindrome caratterizzata principalmente dal declino delle funzioni cognitive ma può presentare una varietà di altre manifestazioni di tipo psicotico come allucinazioni (vedere o sentire delle cose che non esistono) o deliri (credere a cose che non sono reali) che comportano una difficoltà maggiore di gestione del malato da parte di chi se ne prende cura. Attualmente, non sono disponibili farmaci approvati per il trattamento della psicosi correlata a demenza. L’obiettivo di questo studio è quello di valutare l’efficacia del farmaco Pimavanserina rispetto al placebo nella prevenzione delle ricadute di allucinazioni e deliri in soggetti affetti da psicosi correlata a demenza. […]

20 giugno 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

EPAD: uno studio europeo di prevenzione della malattia di Alzheimer

A cura di Anna Mega È attualmente attivo presso il nostro Centro lo studio EPAD (“European Prevention Alzheimer’s disease”), una importante iniziativa europea il cui fine è quello di comprendere meglio le fasi di sviluppo della malattia di Alzheimer e creare una coorte di persone disponibili a partecipare a studi sperimentali mirati alla sua prevenzione. […]

15 giugno 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Malattia di Alzheimer in fase lieve: lo studio Abbvie

A cura di Evita Tomasoni Negli scorsi mesi è stata avviata presso il nostro laboratorio una sperimentazione farmacologica rivolta a persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale. L’obiettivo di questo studio è verificare l’efficacia e la sicurezza di ABBV-8E12, un farmaco in grado di inibire l’aggregazione della proteina tau contrastando la neurodegenerazione e la progressione della malattia. […]

8 giugno 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Studio multi-centrico Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.)

A cura di Federica Ribaldi e Valentina Nicolosi Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.) è uno studio multi-centrico, coordinato dal nostro laboratorio e finalizzato ad esplorare il collegamento tra malattia di Alzheimer e flora batterica (microbiota) intestinale ed orale. Recenti scoperte mostrano che l’abbondanza di particolari batteri nell’intestino è associata al deposito cerebrale di beta-amiloide, una proteina tossica per il nostro cervello legata allo sviluppo della malattia di Alzheimer. […]

31 maggio 2018|IN EVIDENZA|0 Comments