About Newsletter

This author has not yet filled in any details.
So far Newsletter has created 543 blog entries.

Siamo pronti per giocare d’anticipo nella partita contro l’Alzheimer?

A cura di Monica Almici Alison Abbott: Treating Alzheimer’s before it takes hold. Nature, Vol 603, 216-219, 10 Marzo 2022. doi: 10.1038/d41586-022-00651-0 Prendere un farmaco per l’Alzheimer quando si è giovani ed in salute, perfettamente in forma e in piena attività lavorativa potrebbe sembrare inconcepibile. Non è così per 43enne Marty inserito in un progetto di ricerca che prevede ogni due settimane la somministrazione di una terapia sperimentale chiamata Gantenerumab e una serie di controlli periodici quali risonanze magnetiche, analisi del sangue, test cognitivi, punture lombari. Perché lo fa? […]

4 Aprile 2022|News Familiari|0 Comments

Brain Awareness Week: la proposta dell’IRCCS Centro San Giovanni di Dio – Fatebenefratelli

A cura di Michela Rampini Anche quest’anno, l’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia ha aderito alla Settimana del Cervello (Brain Awareness Week, dal 14 al 20 marzo), un’iniziativa a livello mondiale che coinvolge enti di ricerca ed università con il fine di promuovere la conoscenza nell’ambito della ricerca sul cervello e le sue patologie. Lo ha fatto offrendo un’innovativa proposta di contenuti multimediali prodotti dalle ricercatrici e dai ricercatori delle diverse Unità operative presenti nell’istituto. […]

31 Marzo 2022|IN EVIDENZA|0 Comments

Solitudine e demenza: quale associazione?

A cura di Valentina Saletti Salinas J, Beiser AS, Samra JK, O’Donnell A, DeCarli CS, Gonzales MM, Aparicio HJ, Seshadri S. Association of Loneliness With 10-Year Dementia Risk and Early Markers of Vulnerability for Neurocognitive Decline. Neurology. 2022 Feb 7:10.1212/WNL.0000000000200039. doi: 10.1212/WNL.0000000000200039. Epub ahead of print. Un recente studio pubblicato su Neurology, ha indagato la correlazione tra alcuni fattori di rischio psicosociali e la demenza. Dai risultati sembrerebbe che l’isolamento sociale in persone con meno di 80 anni comporterebbe un maggiore rischio di demenza. I ricercatori hanno condotto analisi retrospettive su uno studio di coorte che coinvolgeva 2.308 persone, con un’età media di 73 anni, di cui il 56% composto da donne. […]

17 Marzo 2022|News Familiari|0 Comments

Un incontro online per capire meglio il complesso e variegato mondo degli studi clinici per la malattia di Alzheimer

A cura di Michela Rampini Placebo, doppio cieco, raccolta del consenso informato… sono questi alcuni dei temi che verranno toccati durante l’incontro online “Partecipare ad un progetto di ricerca sull’Alzheimer: dai fattori di rischio alla terapia” che si terrà lunedì 21 marzo dalle ore 17:30 alle 19:00. Il webinar sarà tenuto dalla dott.ssa Samantha Galluzzi, medico geriatra e ricercatrice presso la nostra Unità con grande esperienza nell’ambito degli studi clinici farmacologici e non farmacologici. […]

17 Marzo 2022|IN EVIDENZA|0 Comments

Associazione tra alterazioni microstrutturali del locus coerules e del nucleo basale di Meynert e declino cognitivo nella malattia di Alzheimer

A cura di Silvia Saglia Chu WT, Wang WE, Zaborszky L, Golde TE, DeKosky S, Duara R, Loewenstein DA, Adjouadi M, Coombes SA, Vaillancourt DE. Association of Cognitive Impairment With Free Water in the Nucleus Basalis of Meynert and Locus Coeruleus to Transentorhinal Cortex Tract. Neurology. 2022 Feb 15;98(7):e700-e710. doi:10.1212/WNL.0000000000013206. Un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica Neurology ha indagato la relazione tra il declino cognitivo nella malattia di Alzheimer (AD) e alterazioni microstrutturali precoci della sostanza bianca (white matter, WM) rilevabili attraverso la risonanza magnetica. […]

3 Marzo 2022|News Medici|0 Comments

Seminario gratuito: nuove prospettive sulla stimolazione dei circuiti cerebrali nei disturbi neuro-cognitivi

A cura di Cristina Festari Venerdì 4 marzo 2022 il nostro laboratorio ospiterà un evento formativo di interesse e attualità per i professionisti sanitari che si vogliono approcciare alle tecniche di stimolazione non invasiva per il trattamento dei disturbi neuro-cognitivi. I disturbi neuro-cognitivi come la malattia di Alzheimer, la demenza frontotemporale e lo stroke sono caratterizzati da deficit nelle funzioni cognitive. […]

3 Marzo 2022|IN EVIDENZA|2 Comments

Attività fisica svolta in aree inquinate: quali benefici per il nostro cervello?

A cura di Ilaria Passeggia Furlong MA, Alexander GE, Klimentidis YC, Raichlen DA. Association of Air Pollution and Physical Activity With Brain Volumes. Neurology. 2021 Dec 8;98(4):e416–26. doi: 10.1212/WNL.0000000000013031. Tra i fattori di protezione per la salute cerebrale sappiamo che l’attività fisica svolge un ruolo molto importante. Diversamente, l’esposizione all’inquinamento atmosferico rappresenta un fattore di rischio per il benessere del nostro cervello. Ma quale associazione c’è tra questi due aspetti? Cosa succede, cioè, se l’attività fisica viene svolta in aree con alto tasso di inquinamento? […]

10 Febbraio 2022|News Familiari|0 Comments

Un trattamento con stimolazione magnetica innovativo e personalizzato per la demenza di Alzheimer

A cura di Marco Esposito Presso il nostro Istituto è in corso uno studio finanziato dal Ministero della Salute (GR-2016-02364718) in collaborazione con la Fondazione Santa Lucia di Roma su un nuovo approccio di stimolazione cerebrale non invasiva nella malattia di Alzheimer. Questa ricerca ha lo scopo di valutare l’efficacia di due protocolli di trattamento che usano la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS) in pazienti con demenza di Alzheimer. La demenza di Alzheimer è caratterizzata da severe alterazioni fisiologiche che riducono la comunicazione fra le aree cerebrali. I trattamenti con stimolazione magnetica transcranica ripetitiva stimolano direttamente la corteccia cerebrale, cercando di ripristinare il funzionamento dell’area stimolata e la sua comunicazione con le altre aree. […]

10 Febbraio 2022|IN EVIDENZA|0 Comments

Rischio di demenza e vaccino antinfluenzale negli anziani

A cura di Monica Almici Veronese N, Demurtas J, Smith L, Michel JP, Barbagallo M, Bolzetta F, Noale M, Maggi S. Influenza vaccination reduces dementia risk: A systematic review and meta-analysis. Ageing Res Rev. 2022 Jan;73:101534. doi: 10.1016/j.arr.2021.101534. C’è una correlazione tra la vaccinazione antinfluenzale ed il rischio di demenza? E se sì, in quale direzione? Studi su modelli animali hanno evidenziato come l’incremento dell’attività della microglia stimolato dalla vaccinazione porta nei topi all’eliminazione degli accumuli di beta-amiloide e ad una riduzione della neuroinfiammazione, tali da determinare una minore incidenza della demenza. La vaccinazione antinfluenzale potrebbe quindi prevenire o ritardare l’insorgenza della demenza nei topi. E negli esseri umani? Vediamo cosa dicono gli studi osservazionali pubblicati sino a settembre 2021 su PubMed/Medline e Scopus sul legame tra rischio di demenza e influenza vaccinale nell’uomo.  […]

27 Gennaio 2022|News Medici|2 Comments

Invecchiamento e sistema immunitario

A cura di Valentina Saletti Charisis S, Ntanasi E, Yannakoulia M, Anastasiou CA, Kosmidis MH, Dardiotis E, Gargalionis AN, Patas K, Chatzipanagiotou S, Mourtzinos I, Tzima K, Hadjigeorgiou G, Sakka P, Kapogiannis D, Scarmeas N. Diet Inflammatory Index and Dementia Incidence: A Population-Based Study. Neurology. 2021 Dec 14;97(24):e2381-e2391. doi: 10.1212/WNL.0000000000012973. L’invecchiamento è associato ad alterazioni fisiologiche del sistema immunitario, che riguardano un processo chiamato immunosenescenza. Questo processo è caratterizzato da uno spostamento funzionale del sistema immunitario verso uno stato pro-infiammatorio di basso grado (inflammaging). Tale stato pro-infiammatorio sembrerebbe associato al deterioramento cognitivo e potrebbe contribuire alle cause più comuni di demenza. […]

13 Gennaio 2022|News Medici|0 Comments