About Newsletter

This author has not yet filled in any details.
So far Newsletter has created 310 blog entries.

EPAD: uno studio europeo di prevenzione della malattia di Alzheimer

A cura di Anna Mega È attualmente attivo presso il nostro Centro lo studio EPAD (“European Prevention Alzheimer’s disease”), una importante iniziativa europea il cui fine è quello di comprendere meglio le fasi di sviluppo della malattia di Alzheimer e creare una coorte di persone disponibili a partecipare a studi sperimentali mirati alla sua prevenzione. È ormai noto come i processi fisiopatologici associati alla malattia di Alzheimer inizino a manifestarsi già molti anni prima dell’insorgenza dei sintomi clinici. Diventa quindi fondamentale riuscire ad identificare in modo accurato le persone con una elevata probabilità di sviluppare la malattia così da poter intervenire precocemente, prima che i sintomi si manifestino. […]

10 Gennaio 2019|IN EVIDENZA|0 Comments

La salute inizia a tavola!

A cura di Sara Gipponi Healthy Dietary Changes in Midlife Are Associated with Reduced Dementia Risk Later in Life. Sindi S, Kåreholt I, Eskelinen M, Hooshmand B, Lehtisalo J, Soininen H, Ngandu T, Kivipelto M. Nutrients 2018, 10(11), 1649; https://doi.org/10.3390/nu10111649 Nel mondo, nel 2015, 46,8 milioni di persone erano affette da demenza. Questo numero è destinato ad aumentare e si stima che i malati saranno circa 130 milioni nel 2050. Data l’attuale assenza di una cura, la prevenzione di tale patologia è diventata una priorità per la salute pubblica. Infatti, l’incidenza di almeno un terzo dei casi di demenza può essere ridotta modificando lo stile di vita. […]

20 Dicembre 2018|News Familiari|0 Comments

Il ruolo dell’ipertensione nella Malattia di Alzheimer

A cura di Giulia Quattrini Jeon SY, Byun MS, Yi D, Lee JH, Choe YM, Ko K, et al. Influence of hypertension on brain amyloid deposition and Alzheimer’s disease signature neurodegeneration. Neurobiol Aging. 2018 Nov 16; 75: 62-70. Numerosi studi hanno dimostrato che l’ipertensione rappresenta un fattore di rischio per la Malattia di Alzheimer (AD). Tuttavia, non è ancora del tutto chiaro se l’ipertensione sia associata all’accumulo di proteina β-amiloide (Aβ) e alla neurodegenerazione, i due principali biomarcatori dell’AD. […]

20 Dicembre 2018|News Medici|0 Comments

Buone Feste!

Buone feste! A cura di Valentina Nicolosi Cari lettori, la Newsletter di Centro Alzheimer va in vacanza. Grazie per averci seguiti, vi auguriamo Buone Feste! La Newsletter tornerà puntuale nella vostra casella di posta elettronica a partire da giovedì 10 Gennaio. Per accompagnarvi durante le [...]

20 Dicembre 2018|ULTIM'ORA|0 Comments

Studio multi-centrico Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.)

A cura di Federica Ribaldi e Valentina Nicolosi Amyloid Microbiota Inflammation (A.M.I.) è uno studio multi-centrico, coordinato dal nostro laboratorio e finalizzato ad esplorare il collegamento tra malattia di Alzheimer e flora batterica (microbiota) intestinale ed orale. Recenti scoperte mostrano che l’abbondanza di particolari batteri nell’intestino è associata al deposito cerebrale di beta-amiloide, una proteina tossica per il nostro cervello legata allo sviluppo della malattia di Alzheimer. Come i batteri influenzino il funzionamento del cervello non è ancora noto ma un meccanismo potrebbe essere legato alla modulazione del sistema immunitario e infiammatorio. […]

20 Dicembre 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Terapia occupazionale e demenza in Italia

A cura di Anna Tarallo A pilot study of community-based occupational therapy for persons with dementia (COTID-IT Program) and their caregivers: evidence for applicability in Italy. Pozzi C, Lanzoni A, Lucchi E, Bergamini L, Bevilacqua P, Manni B, Garzetta G, Barbieri S, Khazri S, Chattat R, Graff M, Fabbo A, Morandi A. Aging Clin Exp Res. 2018 Nov 28. doi: 10.1007/s40520-018-1078-7. [Epub ahead of print] In Italia più di 12 milioni di persone (circa il 22% della popolazione) ha un’età superiore a 65 anni. È noto che con l’invecchiamento della popolazione aumenta la prevalenza di demenza e si stima che, nel nostro paese, ci siano oltre un milione di malati di demenza e circa tre milioni di persone impegnate a prendersene cura, direttamente o indirettamente (caregiver). […]

6 Dicembre 2018|News Familiari|0 Comments

Atrofia corticale nella malattia di Alzheimer

A cura di Federica Ribaldi Atrophy subtypes in prodromal Alzheimer’s disease are associated with cognitive decline. Ten Kate M, Dicks E, Visser PJ, van der Flier WM, Teunissen CE, Barkhof F, Scheltens P, Tijms BM; Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative. Brain. 2018 Dec 1;141(12):3443-3456. doi: 10.1093/brain/awy264. La malattia di Alzheimer (AD) è una malattia molto eterogenea in termini di età di esordio, fattori di rischio genetici, presentazione clinica e declino cognitivo. Capire quali siano i meccanismi biologici sottostanti a tale eterogeneità è cruciale per aiutare i medici a determinare la prognosi del paziente ed è uno step importante per la medicina di precisione. Il presente studio ha utilizzato un approccio guidato dai dati per classificare differenti pattern di atrofia presenti nei pazienti con demenza di AD in 3 coorti per un totale di 757 pazienti. […]

6 Dicembre 2018|News Medici|0 Comments

Intestino & cervello: nuove evidenze entusiasmano la comunità scientifica

A cura di Cristina Festari I corpuscoli che vedete indicati dalle frecce rosse in questa immagine ottenuta con un microscopio ad alta risoluzione sono batteri. L’eccezionale novità riguarda il fatto che questi batteri sono di origine intestinale ma sono stati “fotografati” in quello che era sempre stato ritenuto l’organo sterile d’elezione: il cervello. […]

6 Dicembre 2018|ULTIM'ORA|0 Comments

Malattia di Alzheimer di fase lieve: lo studio AB1601

A cura di Ilaria Passeggia Nelle scorse settimane è partita presso la nostra unità una nuova sperimentazione farmacologica rivolta a persone con diagnosi di lieve decadimento cognitivo di tipo amnesico (aMCI) o di Malattia di Alzheimer in fase molto lieve. […]

6 Dicembre 2018|IN EVIDENZA|0 Comments

Sintomi neuropsichiatrici e cadute nella Malattia di Alzheimer

A cura di Anna Tarallo Relationship of Neuropsychiatric Symptoms with Falls in Alzheimer’s Disease – Does Exercise Modify the Risk? Roitto HM, Kautiainen H, Öhman H, Savikko N, Strandberg TE, Raivio M, Laakkonen ML, Pitkälä KH. J Am Geriatr Soc. 2018 Oct 15. doi: 10.1111/jgs.15614. [Epub ahead of print] La malattia di Alzheimer (AD) è una condizione frequentemente associata a sintomi neuropsichiatrici (NPS) e cadute. Infatti, più del 90% delle persone con AD manifesta nel corso della malattia almeno un sintomo neuropsichiatrico significativo (come per esempio aggressività, agitazione o apatia) e circa il 60% delle persone con deterioramento cognitivo cade almeno una volta l’anno. […]

22 Novembre 2018|News Familiari|0 Comments