Associazione in vivo tra proteina tau, atrofia corticale e sintomi clinici in pazienti con malattia di Alzheimer

A cura di Lorenzo Pini Association of In Vivo [18F]AV-1451 Tau PET Imaging Results With Cortical Atrophy and Symptoms in Typical and Atypical Alzheimer Disease. Xia C, Makaretz SJ, Caso C, McGinnis S, Gomperts SN, Sepulcre J, Gomez-Isla T, Hyman BT, Schultz A, Vasdev N, Johnson KA, Dickerson BC JAMA Neurol. 2017 Feb 20. doi: 10.1001/jamaneurol.2016.5755. [Epub ahead of print] Gli studi autoptici hanno dimostrato l’associazione tra i grovigli neurofibrillari formati da proteina tau e il fenotipo clinico e il pattern di neurodegenerazione in pazienti con malattia di Alzheimer (AD). Nel Febbraio di quest’anno, i ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston hanno condotto uno studio, tra i primi del suo genere, che ha valutato questa relazione in vivo negli stadi precoci di malattia di Alzheimer. […]

23 marzo 2017|News Medici|0 Comments

Delirium e declino cognitivo: quale base neuropatologica?

A cura di Elena Rolandi Association of Delirium With Cognitive Decline in Late Life: A Neuropathologic Study of 3 Population-Based Cohort Studies. Davis DH, Muniz-Terrera G, Keage HA, Stephan BC, Fleming J, Ince PG, Matthews FE, Cunningham C, Ely EW, MacLullich AM, Brayne C; Epidemiological Clinicopathological Studies in Europe (EClipSE) Collaborative Members. JAMA Psychiatry. 2017 Mar 1;74(3):244-251. doi: 10.1001/jamapsychiatry.2016.3423. Il delirium è un disturbo neuropsichiatrico caratterizzato da una alterazione improvvisa e fluttuante delle funzioni cognitive e dello stato di coscienza, che interessa circa il 20% dei pazienti anziani ospedalizzati. Recenti evidenze hanno mostrato che il delirium è un forte predittore del successivo sviluppo di demenza e dell’accelerazione del declino cognitivo e funzionale. Tuttavia, ad oggi, il substrato neuropatologico responsabile dell’associazione tra delirium e demenza non è ancora stato scoperto. […]

9 marzo 2017|News Medici|0 Comments

Amiloide corticale e rallentamento della marcia in anziani non dementi

A cura di Anna Tarallo Association of Brain Amyloid-β With Slow Gait in Elderly Individuals Without Dementia: Influence of Cognition and Apolipoprotein E ε4 Genotype. Nadkarni NK, Perera S, Snitz BE, Mathis CA, Price J, Williamson JD, DeKosky ST, Klunk WE, Lopez OL. JAMA Neurol. 2017 Jan 1;74(1):82-90. doi: 10.1001/jamaneurol.2016.3474. Il rallentamento motorio si manifesta nella fase preclinica della malattia di Alzheimer (AD), progredisce con lo sviluppo e l’evoluzione del decadimento cognitivo ed è associato a reperti autoptici tipici della AD. […]

9 febbraio 2017|News Medici|0 Comments

Dieta Mediterranea e atrofia cerebrale

A cura di Federica Ribaldi Mediterranean-type diet and brain structural change from 73 to 76 years in a Scottish cohort Luciano M, Corley J, Cox SR, Valdés Hernández MC, Craig LC, Dickie DA, Karama S, McNeill GM, Bastin ME, Wardlaw JM, Deary IJ. Neurology. 2017 Jan 31;88(5):449-455. doi: 10.1212/WNL.0000000000003559. Epub 2017 Jan 4. Numerosi studi hanno dimostrato l’impatto positivo della dieta Mediterranea (MeDi) sulla salute fisica e sulle funzioni cognitive. La MeDi prevede un alto consumo di frutta, verdura e cereali; un moderato consumo di pesce e formaggio; un basso consumo di carne rossa. […]

2 febbraio 2017|News Medici|0 Comments

Immunoterapia contro la proteina tau nella demenza di Alzheimer

A cura di Lorenzo Pini Safety and immunogenicity of the tau vaccine AADvac1 in patients with Alzheimer’s disease: a randomised, double-blind, placebo-controlled, phase 1 trial. Novak P, Schmidt R, Kontsekova E, Zilka N, Kovacech B, Skrabana R, Vince-Kazmerova Z, Katina S, Fialova L, Prcina M, Parrak V, Dal-Bianco P, Brunner M, Staffen W, Rainer M, Ondrus M, Ropele S, Smisek M, Sivak R, Winblad B, Novak M. Lancet Neurol. 2017 Feb;16(2):123-134. doi: 10.1016/S1474-4422(16)30331-3. Epub 2016 Dec 10. Nel luglio 2013 veniva avviato uno studio per la valutazione dell’immunoterapia mirata alle forme patologiche della proteina tau nella demenza di Alzheimer e i risultati sono stati pubblicati alla fine dell’anno appena passato sulla rivista The Lancet Neurology.  […]

26 gennaio 2017|News Medici|0 Comments

Relazione tra tau-PET e amiloidosi cerebrale nella malattia di Alzheimer

A cura di Elena Rolandi Relationships between flortaucipir PET tau binding and amyloid burden, clinical diagnosis, age and cognition. Pontecorvo MJ, Devous MD Sr, Navitsky M, Lu M, Salloway S, Schaerf FW, Jennings D, Arora AK, McGeehan A, Lim NC, Xiong H, Joshi AD, Siderowf A, Mintun MA; 18F-AV-1451-A05 investigators. Brain. 2017 Jan 11. pii: aww334. doi: 10.1093/brain/aww334. [Epub ahead of print] La diagnosi post-mortem della malattia di Alzheimer viene effettuata se sono contemporaneamente presenti placche di amiloide e grovigli neurofibrillari, contenenti la proteina tau. Tuttavia la comprensione di come le proteine beta-amiloide e tau interagiscano nell’eziopatogenesi della malattia di Alzheimer è tuttora incompleta, ma necessaria per delineare il decorso della malattia e sviluppare terapie efficaci. […]

19 gennaio 2017|News Medici|0 Comments

Autotaxina: un nuovo biomarcatore per la malattia di Alzheimer.

A cura di Anna Tarallo Autotaxin is Related to Metabolic Dysfunction and Predicts Alzheimer's Disease Outcomes. McLimans KE, Willette AA, Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative. J Alzheimers Dis. 2016 Dec 1. L’obesità e l’insulino resistenza sono condizioni associate con il declino cognitivo e la neuropatologia della [...]

12 gennaio 2017|News Medici|0 Comments

Associazione tra Batteri Gram-negativi e neuropatologia della malattia di Alzheimer

A cura di Federica Ribaldi Gram-negative bacterial molecules associate with Alzheimer disease pathology. Zhan X, Stamova B, Jin LW, DeCarli C, Phinney B, Sharp FR. Neurology. 2016 Nov 29;87(22):2324-2332. Epub 2016 Oct 26. Recenti evidenze suggeriscono che alterazioni del microbiota, l’insieme di microrganismi residenti in simbiosi con l’organismo umano, in particolare i batteri nell’intestino, potrebbero avere un’influenza sul deposito di beta-amiloide e, quindi, sullo sviluppo della malattia di Alzheimer (AD). In cervelli di ratto inoltre, il lipolisaccaride (LPS), uno dei componenti della parete cellulare dei batteri Gram-negativi, promuove la formazione di depositi extracellulari di amiloide simili alle placche dell’AD. […]

22 dicembre 2016|News Medici|0 Comments

La luce contro l’Alzheimer

A cura di Lorenzo Pini Gamma frequency entrainment attenuates amyloid load and modifies microglia Iaccarino HF, Singer AC, Martorell AJ, Rudenko A, Gao F, Gillingham TZ, Mathys H, Seo J, Kritskiy O, Abdurrob F, Adaikkan C, Canter RG, Rueda R, Brown EN, Boyden ES, Tsai [...]

15 dicembre 2016|News Medici|0 Comments

Connettività strutturale nel morbo di Parkinson

A cura di Elena Rolandi Structural Brain Connectome and Cognitive Impairment in Parkinson Disease Galantucci S, Agosta F, Stefanova E, Basaia S, van den Heuvel MP, Stojković T, Canu E, Stanković I, Spica V, Copetti M, Gagliardi D, Kostić VS, Filippi M. Radiology. 2016 Dec [...]

9 dicembre 2016|News Medici|0 Comments